HOME

 

 

Pisacane e Crocco:  

 due Italie che non si incontrarono  

 

 

    Giovanni De Sio Cesari

 

Indice: introduzione - biografie a confronto- le imprese - le due leggende - conclusione

 

INTRODUZIONE

 Carlo Pisacane e Carmine Crocco vissero  negli stessi  anni, nacquero nello stesso regno delle  Due Siciile, militarono nello  stesso esercito, compirono le gesta per cui sono ricordati nelle stesse regioni, negli stessi anni nacquero le leggende che li ricordarono Ma rappresentano due italie che non si incontrarono mai anche se si cercavano intensamente. Pisacane  rappresenta l’Italia mazziniana, democratica e tendenzialmente socialista che cerca il popolo per riscattarlo dalle millenarie  oppressioni, un’ Italia colta  e progredita, imbevuta di nuovi ideali, in contatto stretto e continuo con tutta l’Europa più avanzata

Carmine Crocco invece rappresenta il  popolo, i contadini (meridionali e non), la gente che non sa leggere, quelli che sfacchinano dall’alba al tramonto per un tozzo di pane, sempre in lotta con la miseria e con la  prepotenza dei ricchi e potenti, della gente che non ha mai visto nulla che al di fuori dei propri campi e paesi e che vorrebbe un riscatto, giustizia ancora prima che prosperità.

 L’Italia dei Crocco cerca in effetti quindi il riscatto che l’Italia dei Pisacane  voleva offrire al popolo. Eppure queste due  Italie che si cercavano non si trovarono: l’una rimase ostile all’altra,  l’una gridando alla libertà e alla democrazia e al laicismo,  l’altra invece fedele al re, al vecchio ordine delle cose, alla Chiesa.

Nel  presente articolo si cerca di trovare le motivazioni di questo mancato incontro confrontando Pisacane e Crocco, nella misura in cui questi possono incarnare le due  Italie  

 

 

BIOGRAFIE A CONFRONTO 

 Carlo Pisacane  nacque a Napoli nel 1818  da nobile famiglia, sia pure alquanto decaduta. Fu avviato alla  carriera nell’esercito frequentando la  Nunziatella, prestigiosa accademia militare tuttora esistente. Entrò  quindi in servizio nell’esercito delle Due  Sicilie come ufficiale

 Carmine Croco nacque a Rionero nel  1830  in una famiglia contadina: lavorò  come bracciante o pastore fino a che non fu chiamato al sevizio militare (obbligatorio non volontario) nell’esercito nel 1848 . Aveva avuto la opportunità, cosa allora assai rara per uno del suo ceto, di imparare  da uno zio a leggere e scrivere ma sostanzialmente restava  una persona del tutto ignorante.

 La carriera militare di Pisacane fu breve: di carattere ribelle e anticonformista  fu costretto a fuggire dal regno per una questione di donne

 Anche la carriera militare di Crocco  fu breve: partecipo ad alcune  azioni militari in Sicilia, fu a Gaeta   divenne anche caporale  ma poi uccise un signorotto che aveva offeso sua sorelle, dovette  fuggire, fu arrestato,  condannato,  poi evase: non gli restò quindi che diventare uno di tanti briganti che infestavano i monti del regno.

Pisacane invece riparò all’estero a Parigi e a Londra,  entrò in contatto con la cultura e con gli ambienti più colti e moderni europei. Divenne cosi un ardente rivoluzionario mazziniano,  torno in Itaiia per partecipare alla Prima Guerra di Indipendenza e alla difesa di Roma  del 48

 Avvicinandosi  sempre di più al socialismo Pisacane progettava una  rivoluzione che partisse dal popolo e non da ambienti borghesi moderati e dalla  monarchia sabauda .

 

LE IMPRESE

 Pisacane cosi progettò una spedizione che sollevasse i contadini miseri ed oppressi, una vera rivoluzione , veramente   democratica cioè “del popolo” Volle credere che i moti che gli erano stati segnalati  avessero una qualche consistenza, partì con un pugno di compagni , arrivò a Ponza,  liberò i

 detenuti di cui solo alcuni erano politici e con essi sbarcò a Sapri. Risalendo i monti verso l’ interno si  aspettava folle  di contadini acclamanti  e invece  trovò  solo ostilità e diffidenza. Fu accolto solo  da qualche borghese liberale :uno di essi, Federico Romano  lo ospitò  nel suo palazzo, a Padula  tentando per altro di dissuaderlo dal suo proprosito.  Al primo scontro  i suoi compagni  raccogliticci furono  uccisi,  si arresero , si dispersero. Con  pochi superstiti  fuggì anche lui ma presso  Sanza quei contadini, su cui sperava per la rivoluzione, lo assalirono con armi di fortuna e li massacrarono:  solo qualcuno riuscì fortunosamente a scampare   e fu consegnato ai gendarmi del re. In realtà furono scambiati per brigati e in effetti molti degli uomini che erano con lui  erano delinquenti comuni che Pisacane  volle credere di poter trasformare in rivoluzionari con un atto di fede   

 In quegli anni, a non molta distanza Carmine  Crocco faceva il brigante, come tanti altri, da secoli, nel regno di Napoli e altrove un pò dappertutto: ma improvvisamente grandi avvenimenti sconvolsero il regno di Napoli e la sua vita.  Arrivavano dalla  Sicilia i Garibaldini.  Nel 1860 anche Crocco  aderì alla causa della  rivoluzione arruolandosi nelle file Garibaldine. Ma non si trattava, come nel sogno di Pisacane,  della trasformazione di  briganti in patrioti: Crocco  cercava semplicemente la grazia sovrana che gli era stata promessa, unico sbocco possibile per un brigante per sfuggire alla forca. Dopo  aver combattuto al Volturno a Crocco  fu però negata  la grazia promessa. I sostenitori di Garibaldi erano tutti borghesi ( galantuomini) che non potevano perdonare a un brigante di averli taglieggiati e assassinati. A Crocco non rimase allora che tornare ad essere un brigante. Fino ad ora quindi  una normale storia di brigante: però a questo punto esplode il fenomeno del brigantaggio  post unitario.

Il nuovo assetto politico  portato dai garibaldini e dalla monarchia sabauda,  a dispetto dei sogni mazziniani e garibaldini, si risolveva  sostanzialmente  in un  affare per la borghesia: i galantuomini erano  quelli che avevano cultura per capire i nuovi principi, che  avevano la capacità di costituire la struttura della nuova amministrazione, Nel sud, da sempre  teatro di lotta fra proprietari  e contadini ( cappelli e coppole  come si  diceva), il nuovo stato di cose fu subito interpretato (anche giustamente) come una vittoria dei galantuomini (borghesi) a  tutto sfavore del  popolo contadino. La confisca  delle terre  ecclesiastiche toglieva  ai poveri  il soccorso che avevano tradizionalmente  dalla Chiesa: se tutto andava male c’era sempre la minestra che passava il convento. Le terre confiscate  non furono in effetti distribuite ai braccianti,  cosa che era avvenuta  invece in Francia e aveva legato fortemente  il  mondo contadino alla rivoluzioni. Finì invece per essere acquisita dai borghesi a poco prezzo. Il servizio militare  obbligatorio  a cui la maggior parte  giovani meridionali non rispose  affatto non avendo alcuna intenzione di servire un re sconosciuto e straniero,  creò tutta  una massa di renitenti costretti a diventare fuorilegge . In tutto il sud contadino il brigantaggio assume allora  l’aspetto di una  rivolta contadina a carattere economico e sociale che si orienta  in senso borbonico.  Il governo liberale non poteva certo permettere che una parte del territorio sfuggisse al controllo statale  ed acclamasse i Borboni. Non si poteva certo correre il pericolo del  ripetersi degli  avvenimenti  del 1799 quando un esercito contadino ( i Sanfedisti) soffocarono la Repubblica Partenopea riportando i Borboni sul trono.  Quindi la repressione fu decisa,  anzi spietata. Si parla della  repressione di un esercito italiano ( o piemontese) contro un popolo in rivolta: in effetti si trattò anche di una specie di guerra civile fra i borghesi, tutti o quasi  ormai solidali con il nuovo assetto  sabaudo che meglio tutelava i propri interessi  contro un  mondo contadino  in rivolta. In questo contesto Carmine Crocco colse la sua occasione. Le bande dei briganti si ampliarono e diffusero oltre ogni limite precedente: Crocco arrivò ad avere al suo comando più di tremila uomini e controllare una ampia regione  montuosa dalla  Basilicata, all’Irpinia alla Puglia  

Crocco, nei paesi conquistati,  dichiarava decaduta l'autorità sabauda, istituiva una giunta provvisoria e ordinava che fossero esposti nuovamente gli stemmi borbonici. Ogni zona occupata veniva assegnata ad un luogotenente,  i borghesi  liberali  dovevano pagare un riscatto, molti furono  uccisi mentre , però, egli e le sue bande venivano accolti con simpatia dai ceti più poveri

Nella primavera del 1961 occupo  Lagopesole , Ripacandida, Venosa mettendo in fuga le guarnigione locale delle Guardia Nazionale Italiana

A  Lavello, fece istituire un tribunale per  giudicare I liberali e il danaro  delle casse comunali fu distribuiti al popolo. a   Melfi Crocco fu accolto trionfalmente. Ma con l’arrivo   di rinforzi dell’esercito  si spostò verso l'avellinese, occupando moltissimi centri  ed espandendosi anche nella vicina  Puglia

A Crocco si uni Josè Borjes,un militare spagnolo inviato dal re di Napoli che tentò, ma inutilmente, di trasformare le bande in un esercito regolare e dovette quindi  ritirarsi. Continuarono  cosi le scorrerie  i saccheggi ma senza un piano preordinato e senza nessuna prospettiva politica. Resistette comunque ancora per anni combattendo accanitamente contro la Guardia  Nazionale e esercito regolare  Alla fine, tradito anche da alcuni  suoi seguaci, nel giugno del 1964 fu sorpreso sulle rive dell’Ofanto dalle truppe del generale Palllavicini che dispersero  la maggior parte dei suoi uomini

La maggior parte dei briganti erano stati catturati e giustiziati sommariamente i piu fortunati condannati a gravi pene   

 Croco allora fuggi nello Stato Pontificio  da qui avrebbe  dovuto essere deportato in Algeria  con la mediazione francese: ma la nave che lo trasportava fu intercettata dalle autorità. Crocco comunque  evitò la pena di morte che gli fu commutata in ergastolo nel quale  mori circa 40 anni dopo.

Quello a cui partecipò  Crocco fu un conflitto come quello  sognato da Pisacane ma a parti invertite : il popolo contro la libertà e la democrazia e a favore del re e della Chiesa

 

 LE DUE LEGGENDE

 Nacquero quasi subito due leggende opposte e parallele  l’una di Pisacane e l’altra di Crocco: non rievocazioni storiche veristiche ma  leggende nelle quali si parte da spunti reali per  raggiungere  un universo simbolico che comunque ha pure il suo valore  

Quello  di Pisacane fu il mito della  classe colta, di quelli che sapevano leggere. “La spigolatrice di Sapri “ di Mercantini che lo celebrava fu insegnata  per oltre un secolo  in tutte le scuole d’ Italia.  Attraverso quel carme  fintamente popolare la leggenda  di Pisacane fu  trasmessa, generazione dopo generazioni: in tempi recenti il carme  pare essere sparito dalle scuole nel clima di revisionismo del Risorgimento che si è andato instaurando.

 Il mito di Crocco fu invece quello della povera gente, degli analfabeti, che ispirava  racconti contadini  che sono giunti fino ai nostri giorni : dopo oltre un secolo  dagli avvenimenti è stato riscoperto dalla  cultura ufficiale e rilanciato dai movimenti neo borbonici

Ma si tratta sostanzialmente di due leggende ,come dicevamo 

 Cominciamo ad esaminare quella di Pisacane partendo dalla versione più conosciuta ,quella de “la  Spigolatrice di Sapri 

 Riportiamo per maggiore chiarezza il testo  :

 

La spigolatrice di Sapri

 

Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!

Me ne andavo un mattino a spigolare

quando ho visto una barca in mezzo al mare:

era una barca che andava a vapore,

e alzava una bandiera tricolore.

 

All'isola di Ponza si è fermata,

è stata un poco e poi si è ritornata;

s'è ritornata ed è venuta a terra;

sceser con l'armi, e a noi non fecer guerra.

 

Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!

 

Sceser con l'armi, e a noi non fecer guerra,

ma s'inchinaron per baciar la terra.

Ad uno ad uno li guardai nel viso:

tutti avevano una lacrima e un sorriso.

 

Li disser ladri usciti dalle tane:

ma non portaron via nemmeno un pane;

e li sentii mandare un solo grido:

Siam venuti a morir pel nostro lido.

 

Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!

 

Con gli occhi azzurri e coi capelli d'oro

un giovin camminava innanzi a loro.

Mi feci ardita, e, presol per la mano, gli chiesi: - dove vai, bel capitano? -

Guardommi e mi rispose: - O mia sorella, vado a morir per la mia patria bella. -

Io mi sentii tremare tutto il core,

né potei dirgli: - V'aiuti 'l Signore! -

 

Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!

 

Quel giorno mi scordai di spigolare,

e dietro a loro mi misi ad andare:

due volte si scontraron con li gendarmi,

e l'una e l'altra li spogliar dell'armi.

 

Ma quando fur della Certosa ai muri,

s'udiron a suonar trombe e tamburi,

e tra 'l fumo e gli spari e le scintille

piombaron loro addosso più di mille.

 

Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!

 

Eran trecento non voller fuggire,

parean tremila e vollero morire;

ma vollero morir col ferro in mano,

e avanti a lor correa sangue il piano;

fin che pugnar vid'io per lor pregai,

 

ma un tratto venni men, né più guardai;

io non vedeva più fra mezzo a loro

quegli occhi azzurri e quei capelli d'oro.

 

Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!''

 

 

Prescindiamo dalle obiezioni più ovvie:  da Sapri non si può certo vedere Ponza, da Sapri alla certosa di Padula occorsero vari giorni di cammino , non ci furono epiche battaglie e simili altri errori  Solo in particolare notiamo la figura dell’eroe  biondo e con gli occhi azzurri, tipico aspetto delle saghe nordiche che poco si adatta a un meridionale come Pisacane ( che in realtà aveva  capelli  e occhi  scuri )  Licenze poetiche possiamo dire

 Pero è proprio l’andamento essenziale degli avvenimenti che viene falsato profondamente, I contadini non videro Pisacane con occhi romantici  delle saghe nordiche, ma con occhi di contadini meridionali , naturalmente. Per quegli occhi il gruppo di Pisacane erano briganti ma più pericolosi di quelli con i quali comunque essi erano abituati a convivere : erano non solo briganti ma anche nemici della religione del Regno di tutto quello che ad essi sembrava bene e  giusto E infatti li  attaccarono e li annientarono. Non fu l’esercito borbonico che li massacrò dopo epiche battaglie fra il cordoglio e l’ammirazione del popolo come la leggenda faceva credere.  Nella mente di generazioni di italiani quindi si formò  la leggenda di un  Pisacane acclamato dal popolo che combatteva contro un tiranno odiato . Nulla di questo era avvenuto nel Cilento nel 1957

Qualche anno dopo sorgeva il mito  di Crocco, difensore dei poveri contro le prepotenze  dei ricchi. In realtà i briganti erano sempre stato visti con  un certo favore dal mondo contadino  I briganti erano essi stessi dei contadini  che erano diventati fuorilegge per aver commesso un grave reato: a volte avevano agito per motivo di onore, sentito  in quei tempi come un dovere supremo , a volte si erano semplicemente ribellati alle prepotenze de possidenti.  I briganti prendevano di  mira i ricchi perché, ovviamente, erano quelli che potevano pagare e spesso donavano anche ai poveri : in fondo i contadini vedevano nei  i briganti uno di loro

Il brigantaggio  post unitario amplio questo atteggiamento: i briganti per  la povera gente erano quelli che si ribellava ai soprusi dei  borghesi,  poco importa se fossero borbonici o sabaudi  erano sempre i signori che sfruttavano il lavoro dei contadini.

In realtà pero anche questo è un mito. Crocco era un brigante , un assassino , un sequestratore, non aveva idee politiche particolari e men che meno concepiva  un nuovo assetto dello stato.  Si trovò a incarare per qualche tempo  la rivoltaendemica del povero contadino contro la ingiustizia .

Si tratta  quindi sempre di due miti: tuttavia bisogna riconoscere che quello di Crocco ha più aderenza con i fatti della storia di quello di Pisacane  che si muove in un mondo tutto ideale: ma anche le idealità hanno la loro realtà che può essere più forte di quella dei fatti

 

 

CONCLUSIONE

Cerchiamo allora di comprendere perchè le due italie, pure cosi vicine nel tempo e nello spazio, non si incontrarono.

 Un primo fattore può essere il più banale: parlavano letteralmente lingue diverse . L’italia mazziniana parlava l’italiano e il francese. spesso anche l’inglese e si diffondeva soprattutto per iscritto.  l’Italia contadina parlava solo dialetti locali ed era analfabeta. Infatti  Il canto di Mercantini era in italiano e si diffuse per oltre un secolo per iscritto. I racconti dei contadini sui briganti erano in dialetto e non vennero mai raccolti per iscritto fino a tempi recenti. Un secondo elemento puo essere indicato nell’orizzonte culturale. L’Italia  liberale era un ramo di una Europa liberale alle cui correnti partecipava e faceva continuamente riferimento. Il contadino non conosceva che il suo orizzonte ristretto,  i suoi campi, i suoi monti, il suo podere da coltivare: tutto il resto del mondo era qualcosa di lontano, di sconosciuto, in  genere non era mai stato nemmeno a Napoli.  Pisacane   si trovava più a suo agio a Parigi  che nei paesi del Cilento nei  quali probabilmente non era mai stato cosi come Mazzini, Garibaldi  e Cavour conoscevano il mondo ma non erano mai stati a Napoli

Di conseguenza i Pisacane vedevano la possibilità di cambiamenti  profondi perchè la storia stava cambiando e molto in tutta Europa. Ma i contadini vedevano una  realtà sempre uguale da generazione in generazione: non concepivano pertanto uno stato di cose politico e sociale diverso da quello che avevano sempre visto e che sembrava per questo immutabile: I contadini  non chiedevano tanto un cambiamento  ma semplicemente giustizia:  volevano essere retribuiti secondo giustizia, che non ci fossero prepotenze e sopraffazioni. Contro le ingiustizie essi credevano nell’intervento del re e della Chiesa. Ogni male veniva ricondotto non al re ma all’operato dei signori che lo circondavano a Napoli o che stavano al paese. La rivolta contro i ricchi e potenti che li opprimevano era fatta i n   nome del re e dei principi della fede: come appunto avvenne nel 99:  i difensori della Santa Fede che rimettevano il trono al re contro i nobili che avevano tradito il re e la Chiesa

Per i contadini con la rivoluzione garibaldina  i proprietari  avevano tradito il re e la Chiesa per opprimere ingiustamente il popolo. Il brigante  che era sempre un contadino oppresso che si era ribellato poteva diventare un eroe  mentre l’esercito che appoggiava  l’ingiustizia e  il tradimento dei possidenti, apparivano oppressori stranieri da ricacciare dal regno perchè il re e la Chiesa potessero tornare e far trionfare la giustizia

 Per il liberale invece la causa essenziale della povertà e della oppressione del popolo erano proprio il re  ( potere assoluto) e la Chiesa ( che tradiva la sua missione spirituale)

 Due visioni politiche che sembravano assolutamente ovvie e chiare a quelli che le condividevano: non c’era nessuna  vera possibilità di dialogo

D’altra parte la libertà  e la democrazia che i Pisacane offrivano a chi poteva interessare? Non certo ai contadini; che se ne facevano della libertà di stampa se non sapevano leggere? La libertà di pensiero poteva significare che il male  e il  bene dipendessero dai punti di vista: ma un tale relativismo era quanto più  lontano potesse essere dalla sua mentalità nella quale il bene era il bene e il male era il male: unico punto di riferimento restava sempre la Chiesa e la Santa Religione, le antiche tradizioni popolari. D’altra parte solo i possidenti potevano votare, solo essi  avevano la capacità culturale di ricoprire le cariche elettive: certo un contadino non poteva diventare deputato e nemmeno sindaco. La  democrazia e la libertà era un affare esclusivo dei possidenti, di quelli che avevano potuto studiare. che sapevano parlare quell’altra lingua che era l’italiano.  

L’unico elemento veramente essenziale che i contadini avrebbero potuto comprendere era il possesso della terra. In Francia infatti il ceto contadino si era legato alla rivoluzione proprio perchè aveva potuto appropriarsi delle terre feudali e temeva con il ritorno del vecchio regime le avrebbe perse. Ma l’Italia liberale era molto lontana da una prospettiva del genere,

Quando i contadini insorsero,   in Sicilia Bixio represse duramente  e inflessibilmente la rivolta. Garibaldi non poteva permettersi di impelagarsi in una lotta fra contadini e proprietari : ma proprio questo era  il problema che interessava veramente i contadini